Descrizione Progetto

Ronciglione

 

Il Carnevale è tra le feste che in Italia coinvolge di più le persone. Ci sono posti più di altri, nel nostro paese, in cui si avverte lo spirito divertente e ludico di questo evento che spinge grandi e piccini a vestirsi in maschera. Proprio in Lazio, in provincia di Viterbo, il Carnevale è emblema di una tradizione radicata. Più nello specifico, ci sono alcuni dei borghi  antichi e suggestivi del Lazio come la Sabina e la Tuscia, passando per la Città Eterna, dove la storia e il folklore carnevalesco infiammano i cuori, e cancellano per un attimo la monotonia di tutti i giorni. Ronciglione, oltre a dare i natali al celebre cantautore Marco Mengoni, è famoso per il suo Carnevale che è tutto da vedere, quindi se hai la possibilità regalati un weekend a Viterbo e datti da fare.

Le caratteristiche del Carnevale di Ronciglione

Il carnevale romano di Ronciglione è fenomenale, ma ci sono dei momenti specifici in cui davvero si raggiunge il top della peculiarità Tradizionalmente parlando, alle origini di questo carnevale si effettuava la corsa dei cavalli berberi. Oggi questa usanza viene richiamata nel Carnevale di Ronciglione, così come viene ripescata dal cilindro la tradizione dei moccoletti (una fiaccola o una lanterna che veniva usata per uscire in strada la sera del martedì grasso). Tutti questi eventi oggi vengono riprodotti a 360 gradi. Se un tempo erano capaci di coinvolgere tutta la popolazione oggi, ancor più di prima la gente si fa coinvolgere in questo spirito gioviale, di risate, maschere e aneddoti storici. Partendo da via del Corso fino ad arrivare a piazza Venezia, la tradizione prevedeva che chi restava con la luce spenta doveva togliersi la maschera. Quelli di Ronciglione, resta uno dei carnevali più antichi d’Italia, in quanto è la più importante manifestazione di questo delizioso ed autentico borgo in provincia di Viterbo. Parliamo di una festa  di paese, intrisa di sentimenti tradizionali, e che spesso porta con sè gli strascichi dello spirito romano rinascimentale e barocco. Ognuno degli eventi si svolge nelle eleganti vie dove a fare da cornice ci sono gli splendidi palazzi e grandi piazze.

Feste irriverenti e celebrazioni in maschera

Per i più irriverenti c’è anche la sfilata dei Nasi Rossi, ovvero maschere locali vetuste che passeggiano lunghe le vie intonando canti, inni al vino e offrendo agli spettatori degli ottimi rigatoni al sugo, serviti però in antichi vasi e vasini da notte. Di solito la festa carnevalesca a Ronciglione parte nella prima metà di gennaio, anche se poi i festeggiamenti veri e propri si concentrano maggiormente nella penultima domenica e nell’ultima settimana del carnevale; per cinque giorni di celebra questo evento tra sfilate in maschera, carri allegorici, musiche bandistiche e danze.