TORRE DI VICO

Loading...

TORRE DI VICO

 

Ci sono case che sono molto di più di un tetto sulla testa. Sono “case contenitore”, dove ogni materia ha un’anima e dove tutto ha una storia. Sono senza presente né passato, le “case intreccio” coi loro incastri d’epoche e di persone, coi loro respiri e memorie. Queste case sono le storie delle persone che le hanno vissute e degli oggetti al loro interno. Soffitti, lampadari, quadri, stampe: piccole e grandi con le immagini di una Viterbo dipinta da sapienti mani di artista.

Il camino scolpito dal bisnonno e gli infissi realizzati dal nonno, ricordi di un passato che si fonde con il presente. Il mio lavoro al B&B Torre di Vico ha preso forma dalla storia della mia famiglia e dalle mie radici, dal luogo in cui è nato mio nonno, mio padre e infine dove sono nata io: Giulia.

La torre, come tutto il palazzo, risale al 1100. Fu acquistata dalla mia famiglia nel 1915 per la cifra di 3.000 lire. Dei ricordi di bambina, ne riflette gli aspetti della vecchia casa di famiglia. Con le pareti in pietra originale, le travi in legno, gli arredi antichi,  e l’atmosfera che segue l’abbandono di una dimora d’epoca. Ho iniziato a fare ospitalità per gioco, adesso invece la mia torre accoglie ogni giorno ospiti provenienti da luoghi diversi.

Questa è la mia più grande soddisfazione, quanto di più bello potesse capitarmi. La storia di una rinascita e anche di un’avventura in una terra e in  una città ricca di sorprese. Perché tutto è parte di una storia e ha una memoria.

Supera il tempo e si lascia vivere da una famiglia che, quel tempo e quella storia, riscopre e fa scoprire, ospitando persone da tutto il mondo. Con amore.

By | 2018-03-29T15:42:03+00:00 agosto 11th, 2017|B&B, Centro Storico, Strutture Ricettive, Viterbo|0 Comments

Leave A Comment